4a48c50f70a04eae950e9852223f6d8f

 

REALMENTECASA

IMMOBILIARE

4a48c50f70a04eae950e9852223f6d8f

REALMENTECASA

IMMOBILIARE


facebook
instagram
youtube
tiktok
whatsapp
phone

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle novità immobiliari e sui nostri consigli

Copyright (C) 2023

Copyright (C) 2024

Tutti i testi e le foto sono di proprietà di Realmentecasa.

Sono assolutamente vietati la riproduzione, anche parziale, e l'utilizzo da parte di terzi.

IL NOSTRO BLOG

 

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità

Epbd, Energy performance of buildings directive, ovverosia la direttiva sulle Case Green.

22-02-2024 11:12

realmentecasa

casa, fisco, casa, fisco, direttiva case green, epbd, europarlamento, Energy performance of buildings directive, classi energetiche, abitazione, consumo di energia, efficientamento energetico, riqualificazione patrimonio energetico,

Epbd, Energy performance of buildings directive, ovverosia la direttiva sulle Case Green.

Epbd, Energy performance of buildings directive, ovverosia la direttiva sulle Case Green.

Questa settimana parliamo della direttiva Case Green.

 

Tema che, in Italia, in questi giorni, viene trattato in maniera collaterale da quando il Governo, con la nuova finanziaria, ha deciso di stravolgere le agevolazioni in essere fino allo scorso anno per l’efficientamento energetico.

Agevolazioni che, se da un lato sottostavano ad una normativa nazionale, da un altro erano mosse da una volontà ben più ampia, quella europea, che nel frattempo non è venuta meno.

 

Anzi.

 

L’ Europarlamento si riunirà, in sessione plenaria, dall’11 al 14 marzo 2024 per approvare il testo della cosiddetta direttiva Case Green che, dopo un ultimo passaggio in Consiglio, andrà in Gazzetta Ufficiale.

 

Ma vediamo, a grandi linee, cosa prevede questa direttiva che prende come punto di riferimento il 2020, considerato l’anno zero:

  • taglio dei consumi energetici medi di almeno il 16% entro il 2030;
  • del 20% – 25% entro il 2035;
  • stock abitativo a zero emissioni per il 2050.

 

Difficile immaginare quale potrà essere lo scenario in Italia nei prossimi anni.

Anche perché, se da un lato, Bruxelles, avrà il compito di stabilire gli obiettivi, spetterà, poi, ai singoli stati membri ipotizzare e realizzare il proprio progetto.

 

L’Italia dovrà, quindi, adeguarsi e ridurre il proprio consumo medio di energia del 16% entro il 2030, del 20% - 25% entro il 2035 e giungere a uno stock abitativo a zero emissioni entro il 2050.

 

Il Governo avrà l’arduo compito di pensare a come conciliare concretamente un piano di progressivo abbattimento dei consumi con la direttiva europea e con un sistema di supporto economico e agevolativo alle famiglie che dovranno sobbarcarsi il costo dell’efficientamento energetico..

Sarà, allora, veramente importante comprendere come l’Italia, anche in considerazione del fatto che, dai dati Enea, oltre il 51,8 % del patrimonio immobiliare ricade nelle classi F e G, riuscirà a intervenire. 

 

Gli interventi più papabili saranno ovviamente:

  • coibentazione tetti e pareti;
  • cambio finestre;
  • impianti di riscaldamento.

 

Tutto sarà, però, a carico dei proprietari degli immobili. Diventa difficile oggi immaginare quali potranno essere le risorse disponibili, in un’epoca in cui la maxi agevolazione al 90% e al 110% è andata definitivamente in pensione, senza che la finanziaria ne abbia allungato i termini.

Aspetteremo di vedere gli sviluppi.

 

Nella speranza, anche questa settimana, di aver trattato un argomento di interesse comune, auguriamo a tutti un buon proseguimento di settimana.

Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

 

Staff di Realmentecasa